Paolo Novelli per Fondazione Somaschi

Grazie alla collaborazione con l’artista Paolo Novelli, pittore e fratello del nostro Presidente Piergiorgio Novelli, Fondazione Somaschi ha deciso di realizzare diversi gadget, primi fra tutti alcuni segnalibri.

Con uno stile autentico, ricco di simbolismo e dai tratti naif, le opere che ispirano questo prodotto sono state donate dal pittore e vengono accompagnate da alcune citazioni di grandi personaggi come Madre Teresa di Calcutta, Papa Francesco e il Dalai Lama: parole di forza e incoraggiamento scelte per i nostri donatori, volontari e per tutte le persone di Fondazione.

Paolo Novelli, originario di Casale Monferrato, è laureato in Architettura e, dopo essersi dedicato all’insegnamento nelle scuole di secondo grado, ha deciso di concentrarsi su quella che è la sua più grande passione, ovvero la pittura. Scene di vita quotidiana, fiabe, religione, storie divertenti e abbracci: i temi affrontati sono diversi, ma ognuna delle scene rappresentate, curata nei più piccoli dettagli, trasmette calore e serenità. Se dovessimo utilizzare due parole per descrivere queste opere, sarebbero sicuramente originalità e autenticità.

Le immagini scelte per la nostra Fondazione sono legate da un fil rouge per noi essenziale: tutte, infatti, riconducono alla forza di un abbraccio e a valori come l’accoglienza e l’importanza di stare insieme.

Oggi vogliamo allora ringraziare Paolo Novelli, artista che, donandoci alcuni dei suoi disegni, ci ha permesso di guardare il mondo con occhi diversi.

Per visionare le sue opere è possibile visitare la pagina https://www.facebook.com/ilsognoelibero/ o, per entrare in contatto con l’artista, scrivere a  ilsognoelibero@gmail.com.

Per maggiori informazioni su come ricevere i segnalibri di Fondazione Somaschi, scrivi a comunicazione@fondazionesomaschi.it

Altri articoli suggeriti

Notizie / 1 Febbraio 2016

Don Chisciotte contro i pregiudizi

Leggi di più
Notizie / 30 Settembre 2020

Progetto condiviso: insieme contro la solitudine

Leggi di più
Progetti / 16 Novembre 2020

“Il Barolo è più buono se è solidale” – grazie a Cascina Ghercina

Leggi di più